Get married in italy: requirements

First Part – Britain & Northern Ireland citizens
Independently from your nationality, in order to get legally married in Italy you should be able to provide the following documents.
Please note that the paperwork requirements expire after 3 months if you have not yet married:

Passports
Certificate of No Impediment
Nulla Osta
It is fundamental that your full name is written in the same manner in all the above documents (this can happen if you have more surnames and they are not always expressly listed in all documents or if the future bride has already been married before and is still keeping the name of her ex-husband. In this case please be sure that your passport, Certificate of No impediment and Nulla Osta contains your maiden name), otherwise your paperwork won’ t be accepted by the wedding officials.

Please, start to planning your documents no more than 6 months before your wedding date if you are resident in the UK, 3 months if you are resident in Scotland.

Step 1 – The Certificate of No Impediment

To do this you must give notice of marriage to your local registry office. After your notice has been posted for the required period you will be issued with a ‘Certificate of No Impediment to Marriage’, signed and dated by your local Registrar. The names that you give to the registrar must match the names on your passports.

Step 2 – The Statutory declaration

While you are waiting for your Certificate of No Impediment you should make a statutory declaration before a solicitor or public notary in the UK. The declaration is required by italian authorities and gives additional information that isn’t given on your certificate of no impediment. The solicitor or notary public will charge a fee for this service so it will be worth shopping around.

Step 3 – Legalising your documents for the Italian authorities

When you have your Certificate of No Impediment and you have made your Statutory Declaration, you need to send them both to the FCO Legalisation Office in Milton Keynes for each to be legalised with a Hague Apostille. The Legalisation Office will charge for this – please check the current charges and procedure on the Foreign and Commonwealth Office Website.

Step 4 – Translation of your Certificate of No Impediment (CNI)

Once both these documents have been legalised, you will then need to have the legalised Certificate of No Impediment translated. As it will become an Italian legal document it should be translated by a translator based in Italy and sworn before the Italian courts or an Italian Justice of the Peace. The Statutory Declaration does not need to be translated since it is already in both languages. Once all of these documents have been prepared, they should be sent directly to the town hall where you will get married. Please note, under Italian law, a woman who has been divorced or widowed and wishes to re-marry in Italy cannot do so until 300 days have passed from the date of her divorce/death of husband. It is possible, however, to apply for a dispensation to this through the Civil Law Courts (Tribunale Civile).

Finally please note that your Certificate of No Impediment will be valid for six months from the date on your English, Welsh or Northern Irish CNI or three months if presenting a Scottish CNI.


For a Catholic wedding are required the following documents:

Certificate of Baptism, First Communion and Confirmation stamped by the local Bishop’s office
If your local Parish is not able to provide you the originals, ask for some copies that have necessary to be sealed by your local Bishop.

Declaration (formal letter) from your Priest/Pastoral Advisor which could state that both bride and the groom are active in the Catholic Church and that they intend seriously to have a religious blessing in Italy (specify the name of the church you selected in Italy and your wedding date).
This letter represents a permission released by you Priest and required by the Italian Curia which testify that your local Priest knows you and allow your wedding in Italy.
Being an official and formal letter has to be written in the letterhead paper of your Parish.
The letter has also to state that you have fulfilled all the PRE CANA CLASSES : the CERTIFICATE OF THE PREMARIATAL CLASSES (if a certificate was done) should be included

NIHIL OBSTAT :Letter from the Bishop of your Parish, stating the same as in # 4 (written on letterhead of your Bishop’s office)
This is one of the most important document required by the Italian religious Authorities. This letter must specify that you have NO IMPEDIMENT to get married in the Italian Church you selected (specify the name) at the date requested.
This letter certify that the religious authorities over your local priest have approved your wedding in Italy.

Original PRENUPTIAL INQUIRY FORM, issued by the archdiocese of your city (the Italian Curia must have a proof that your wedding has been approved by the higher member of the Catholic Church in your country).
This document has to be issued by your Parish (written on a formal letterhead).
It has to be signed and stamped with the Church seals by your local Bishop’s office (not by your Priest).
The Prenuptial Inquiry Form is a prenuptial investigation which includes: your personal details and some general religious data.
This questionnaire has to be filled with you together with your Priest.

CATHOLIC WEDDING WITH CIVIL PORTION.
In case your civil ceremony was performed prior the religious ceremony you should show the original civil documents (the civil wedding certificate which states that you are legally married) to the Italian priest.
Note that The civil wedding certificate never expires.
If you wish to have a religious ceremony legally recognized by the Italian authorities you should be able to provide the civil paperwork requested.

DIVORCE. If one of the Parties has been divorced, the Italian Catholic Church won’t allow you to re-marry in a Church, unless the Rota (the only Institution legally able to officially annulled marriages) had previously annulled your wedding.
In case the couple has been previously civilly divorced and want to get married again in the Church it is required a civil reconciliation certificate.

PERMISSION OF MIXED RELIGION OR DISPENSATION
If one of you are not Catholic you are allowed to get married but you should provide this additional document which testify that your wedding can be performed by the Italian religious authorities.
This certificate is usually issued by the local bishop of your country, but I would suggest to ask for information to your local Priest who will easily help you to obtain this document.
The ‘Permission of mixed religion’ has to be sealed or stamped by the Bishop’s Parish office.

TRANSLATION OF YOUR DOCUMENTS
Most of the Italian Churches will directly translate your documents but if you select an area where they do not offer this service I will provide it for an additional fee.

DOCUMENTS EXPIRING DATES
Documents should not be done more than 3 months in advance or they expire. (except for the certificate of baptism, holy communion and confirmation, issued when you received these sacraments). Therefore you have plenty of time to obtain these documents as they can not be received any earlier than six months before the wedding and usually by one month before.
Please note that at least a month is the minimum requested from the Italian religious Authorities to review and approve the paperwork.
Usually 40 days before the wedding you should send all the ORIGINALS directly to the Italian Curia, so they can proceed with the preparation of documents: in order to complete the Catholic marriage requirements it is fundamental to provide the originals documents. If time does not permit, it is possible for you to bring the originals with you and show the originals during the meeting I will organize with the Priest (usually 1 or 2 days before the wedding, according to the Priest’s availability). However, I do not recommend using this option unless absolutely necessary.
Keep the original documents with you, do not send these here in Italy before receiving the Italian Religious Authorities approval based on the copies you send me.
The above are some general religious procedures which can vary from one diocese to another and therefore must be verified in each individual case: being constantly in contact and updated with all the churches all over Italy I can consequently guarantee you a professional assistance.
ALL THE COPIES OF THESE DOCUMENTS SHOULD BE SENT US VIA FAX OR SCAN VIA EMAIL.
It is necessary to receive copies of all of these documents to verify with the Italian Church that they are complete and correct.

SEND ALL YOUR DOCUMENTS TO ITALY

 

Il matrimonio religioso

Il matrimonio religioso è l’unione tra coniugi dinanzi al ministro di un culto cattolico (il sacerdote) al quale la legge dello Stato, in forza del Concordato lateranense (un accordo) stipulato tra lo Stato italiano e la Santa Sede nel 1929, riconosce effetti civili qualora siano osservate determinate condizioni. Per tale motivo il matrimonio religioso è chiamato matrimonioconcordatario. Laddove il matrimonio venga, invece, celebrato dinanzi ad un ministro di un culto acattolico (e cioè non cattolico, come ad es. il culto ebraico, valdese, metodista), si parla di matrimonio acattolico.

 Il corso prematrimoniale

 Prima del matrimonio concordatario, i futuri sposi devono seguire, presso una parrocchia a loro scelta (a seconda del calendario di organizzazione dei corsi), il cd. corso prematrimoniale, ovvero un corso della durata di due o tre mesi (solitamente organizzato in un incontro settimanale) tenuto da un sacerdote o da un suo delegato che rappresenta un momento di preghiera insieme ad altre coppie di futuri sposi e durante il quale si affrontano tematiche di riflessione sulla futura vita coniugale. Al termine del corso non vi è un esame e verrà rilasciato l’attestato di partecipazione, ovvero il consenso alle nozze da parte del sacerdote della parrocchia presso il quale è stato svolto il corso, che generalmente ha una validità di circa due anni e che verrà poi consegnato dai futuri sposi al proprio parroco al momento in cui decidano di sposarsi.

 Gli adempimenti dei futuri sposi e i documenti necessari

 I futuri sposi devono rivolgersi al proprio parroco o al parroco della Chiesa dove hanno scelto di effettuare la celebrazione per fissare la Chiesa e la data delle nozze ed avviare le pratiche per il matrimonio.
Devono essere consegnati i seguenti documenti:

  • civili:
    • certificati di nascita;
    • certificati di residenza;
    • certificati di cittadinanza;
  • religiosi:
    • il certificato di Battesimo (che verrà rilasciato dalla parrocchia presso la quale si è stati battezzati);
    • il certificato di Cresima (se non si fosse stati cresimanti è necessario provvedervi prima del matrimonio);
    • il certificato di “Stato libero ecclesiastico”, tale certificato ha la funzione di attestare che il richiedente non abbia già in precedenza contratto matrimonio secondo il rito religioso. Tale documento può essere sostituito con un giuramento dell’interessato dinanzi al parroco;
    • l’attestato di partecipazione al corso prematrimoniale;
    • il nulla osta ecclesiastico: è un documento che va richiesto alla Curia nel caso in cui i coniugi vogliano contrarre matrimonio presso una parrocchia differente dalla propria o fuori dal Comune di residenza.

 Le pubblicazioni e gli ulteriori adempimenti

 Una volta prodotti tutti i documenti necessari, il Parroco della chiesa di appartenenza di uno dei due sposi, dopo un informale colloquio con i futuri sposi circa la loro libera e convinta volontà di contrarre il matrimonio, redige e rilascia la richiesta di pubblicazioni alla casa comunale.
Per il matrimonio cattolico è previsto, dunque, un regime di doppia pubblicazione: il matrimonio dovrà essere preceduto dalle pubblicazioni civili presso la Casa Comunale previste dal codice civile e dalle pubblicazioni ecclesiastiche da affiggersi alle porte della casa parrocchiale (sia della parrocchia dello sposo che della sposa, se diverse) per 8 giorni comprese due domeniche. L’ufficiale di stato civile, se ravvisa impedimenti alla celebrazione del matrimonio, può rifiutare le pubblicazioni; se, al contrario non vi siano impedimenti, rilascia il certificato di nulla osta al matrimonio, ovvero un atto in cui l’ufficiale di stato civile dichiara che non ci sono cause che si oppongono alla celebrazione di un matrimonio valido agli effetti civili.
Una volta ritirato il certificato di avvenute pubblicazioni, i futuri sposi devono portarlo dal parroco della Chiesa nella quale si celebreranno le nozze, il quale dopo un colloquio con i futuri sposi rilascerà loro il documento del “consenso religioso”, confermando così la data del matrimonio.

 La celebrazione e l’atto di matrimonio

 La celebrazione del matrimonio avviene secondo le norme del diritto canonico, quanto al requisito formale di manifestazione del consenso matrimoniale degli sposi.
E’ necessaria la presenza di due testimoni per parte; laddove ve ne siano tre, un testimone non firmerà la copia dell’atto di matrimonio che viene trasmessa in Comune, ma solo quella che resta alla Chiesa.
Al termine della celebrazione il parroco ricorda agli sposi che il matrimonio produrrà effetti civili e dà loro lettura degli articoli del codice civile riguardanti i diritti e i doveri dei coniugi (artt. 143, 144, 147).
Subito dopo il matrimonio il parroco dovrà compilare l’atto di matrimonio in duplice originale, sottoscritto dal parroco stesso, dagli sposi e dai testimoni. Nell’atto di matrimonio il parroco indica le generalità complete degli sposi, l’indicazione del luogo e della data in cui è avvenuta al celebrazione e le generalità del parroco. Sull’atto di matrimonio contratto secondo il rito cattolico possono essere inserite anche le indicazioni dei coniugi consentite dalla legge civile, ovvero la scelta del regime patrimoniale  e il riconoscimento di figli naturali (ora figli nati fuori dal matrimonio).
Il parroco deve, poi, trasmettere una copia dell’atto, nel termine di 5 giorni dalla celebrazione, all’ufficiale di stato civile del comune in cui è avvenuto il matrimonio affinché questi proceda alla sua trascrizione.

 La trascrizione nei registri di stato civile

 Ricevuto l’atto di matrimonio, l’ufficiale di stato civile dovrà trascriverlo negli appositi registri nelle 24 ore successive al ricevimento e ne comunicherà l’avvenuto adempimento al parroco. Se il matrimonio religioso non venisse trascritto nei registri civili resterebbe un atto religioso privo di effetti per l’ordinamento italiano. La trascrizione dell’atto non ha solo, dunque, una semplice funzione di pubblicità cd. dichiarativa, ma ha anche carattere costitutivo e cioè è fondamentale per la produzione degli effetti civili del matrimonio cattolico che vengono costituiti con effetto retroattivo, ovvero dal giorno della celebrazione.

Cause di intrascrivibilità

Vi sono taluni casi in cui la legge prevede che il matrimonio concordatario non possa conseguire (o conseguire subito) gli effetti civili; in tali casi si parla di cause di intrascrivibilità, per cui il matrimonio non potrà essere trascritto, ovvero:

  • quando gli sposi non abbiano l’età che la legge civile richiede per la celebrazione (18 anni o 16 se autorizzati dal tribunale per i minorenni);
  • quando vi sia un impedimento inderogabile per la legge civile e cioè:
  • quando uno degli sposi è interdetto per infermità di mente;
  • quando tra gli sposi sussiste un altro matrimonio valido agli effetti civili;
  • quando sussistono impedimenti derivanti da delitto;
  • quando sussistono impedimenti derivanti da affinità in linea retta.

Tuttavia, anche in presenza di un impedimento inderogabile, il matrimonio può essere trascritto (e conseguire effetti civili) quando l’azione di nullità o di annullamento prevista dalla legge civile non possa essere più promossa.
In assenza delle pubblicazioni, il matrimonio concordatario potrà comunque essere trascritto nei registri di stato civile, ma prima della trascrizione l’ufficiale di stato civile dovrà verificare l’inesistenza di impedimenti acquisendo i documenti necessari ed affiggendo un avviso contenente le generalità degli sposi, la data e il luogo in cui è avvenuta la celebrazione ed il nome del ministro di culto che ha celebrato. Questo avviso rimarrà affisso per 10 giorni consecutivi entro i quali possono essere fatte le opposizioni previste dal codice civile.

Che cosa è il matrimonio acattolico

 Il matrimonio acattolico è il matrimonio che si svolge dinanzi al ministro di un culto non cattolico ammesso nello Stato, ad es. ebraico, valdese, metodista, al quale la legge dello Stato n. 1159 del 1929 ha riconosciuto gli stessi effetti del matrimonio civile in presenza di certe condizioni, tra cui la trascrizione del matrimonio nei registri dello stato civile. Il matrimonio acattolico viene inteso come una variante del matrimonio civile, che si distingue da quest’ultimo solo per gli aspetti formali, ed, infatti, il ministro del culto acattolico celebra come delegato dell’ufficiale di stato civile (cioè del sindaco).
Il matrimonio acattolico è soggetto solo alla legge dello Stato, restando irrilevanti le norme giuridiche della confessione religiosa che rappresenta, diversamente dal matrimonio concordatario che vede l’applicazione di una legge diversa da quella statale, è cioè la legge del diritto canonico (quella della Chiesa).
I matrimoni acattolici si differenziano in matrimoni che, per conseguire gli effetti civili, devono rispettare le formalità procedurali previste dalla Legge n. 1159 del 1929, come ad es. quelli celebrati secondo il culto della Congregazione cristiana dei Testimoni di Geova, e i matrimoni celebrati secondo i riti di alcune confessioni religiose con le quali sono intervenute specifiche intese che hanno ulteriormente semplificato gli adempimenti richiesti per dare validità civile all’atto, come ad es. i matrimoni celebrati dai ministri di culto della Tavola Valdese e della Chiesa Metodista, della Chiesa Avventista del settimo giorno.

In ogni caso la celebrazione deve essere preceduta dalle pubblicazioni civili e l’atto di matrimonio dovrà essere inviato all’ufficiale di stato civile entro 5 giorni dalla celebrazione per la trascrizione negli appositi registri. Anche durante il rito acattolico i ministri di culto possono ricevere le dichiarazioni concernenti la scelta patrimoniale dei coniugi , mentre per quanto riguarda il riconoscimento di figli naturali (ora figli nati fuori dal matrimonio), mancando una specifica normativa in materia, il Ministero dell’Interno ha ritenuto estensibile a questi tipi di matrimonio le previsioni del Codice civile.

Tuscany Wedding Network Star Wedding Directory AFWPI Destination Wedding Belief Wedding planners North lake Garda